CAMPIONATI ITALIANI MASTER, SABAUDIA 24 – 25 GIUGNO 2017

Download PDF

Il weekend appena concluso ha visto impegnati gli atleti Master della Canottieri San Cristoforo – CUS Milano nei Campionati Nazionali disputati sul Lago di Paola, a Sabaudia, una delle capitali del canottaggio italiano.

Lo scorso anno a Ravenna furono presenti solo 6 nostri canottieri accompagnati da Raffaele Mautone in veste di allenatore.
Quest’anno hanno partecipato all’evento ben 15 atleti che hanno occupato complessivamente 25 carrelli, dato che molti di loro hanno disputato doppia gara, con Raffaele in veste di coach ed atleta.
Tuttavia sarebbe riduttivo attribuirgli soltanto questi due ruoli: in realtà Raffaele è stato anche dirigente, accompagnatore, psicologo, motivatore, carpentiere, tour operator, public relation man, problem solver… : in una parola è stato l’Anima di questa squadra variegata e numerosa, che si è ulteriormente ingrandita visto che la San Cristoforo ha aggregato, o meglio “adottato”, quattro giovani atleti dell’ILVA Bagnoli e cinque più maturi ma altrettanto appassionati canottieri provenienti dal glorioso Circolo Posillipo di Napoli.
Da sottolineare, inoltre, l’amichevole presenza di Romano Battisti, uno dei più grandi canottieri italiani reduce lo scorso anno dalle Olimpiadi di Rio e medaglia di bronzo ai recenti Campionati Europei in quattro di coppia.
Sabaudia ha accolto tutti con l’azzurro del suo cielo e del suo mare, la piacevole brezza, la verde sagoma del Promontorio del Circeo, il profumo e l’ombra dei boschi di eucalipto narrati da Antonio Pennacchi nel romanzo “Canale Mussolini”, che hanno difeso tutti da un sole bellissimo ma piuttosto aggressivo.
Come si sono comportati i nostri ragazzi? Si sono limitati a trascorrere un piacevole weekend in riva al lago?
Niente affatto: sono rientrati sul Naviglio dopo essere saliti per ben quattro volte sul podio!
Cominciamo da Stefano Lo Cicero e Matteo Ciapparelli, che hanno conquistato un meraviglioso argento nel 2 senza categoria “B” dove hanno preceduto anche equipaggi di categoria A, formati quindi da atleti più giovani.
Stefano e Matteo hanno segnato il tempo di 3:28 alle spalle della Canottieri Limite e precedendo Tevere Remo, Savoia, Ravenna e Napoli.
Stefano, catanese di origine, frequenta ormai da anni la nostra Associazione sportiva dove si è già messo in luce con ottimi risultati agonistici, Matteo fa parte della CSC soltanto da ottobre pur avendo dei trascorsi remieri presso la Canottieri Milano ed in pochi mesi, con grandissimo impegno e dedizione, ha saputo rimettersi in forma per affrontare al meglio le nuove sfide agonistiche.
Veniamo al 4 di coppia femminile: medaglia di bronzo col tempo di 3:43 alle spalle delle forti avversarie del Dopo Lavoro Ferroviario di Chiusi e della Effe e precedendo di molto le più giovani atlete del Padova.
Anna Bonciani, Daniela Bialetti, Bettina Palvarini ed Ivana Babic quest’anno ci hanno regalato soltanto soddisfazioni, andando a medaglia in tutte le gare alle quali hanno partecipato: e non è finita qui, visto che la stagione le vedrà ancora impegnate in autunno nelle prossime tappe del Campionato Italiano di Fondo.
Altro bronzo per il 4 di coppia maschile cat. B formato da Raffaele, Marco Iriti, Alberto Davoli e Lorenzo Mazzeo che hanno segnato un ottimo 3:12, preceduti da Lazio e Barion e lasciando alle spalle Omegna, Effe e due equipaggi del Padova.
Anche per questa barca solo conferme e discorso tuttora aperto nel Campionato Italiano di Fondo.
Terzo bronzo per l’Otto formato da Marco Iriti, Raffaele, Matteo Ciapparelli, Stefano Lo Cicero, Albi Davoli, Lollo Mazzeo, Leonardo Modulo insieme a Stefano Marcatelli dell’ILVA, con al timone Emmanuela Anderle.
La nostra ammiraglia ha chiuso in 3:08 alle spalle di CRV Italia e Canottieri Lecco, precedendo i palermitani del Telimar, la Tevere Remo, Canottieri Napoli e Savoia e confermando l’ottima prova alle recenti regate di Gavirate.
Un quinto posto che ha grandissimo valore nel Doppio maschile “E” formato da Lorenzo Invrea ed Enrico Consolandi, i soli ad aver dovuto disputare sabato la batteria superata peraltro brillantemente.
Lorenzo ed Enrico sono due esordienti assoluti, remano da non più di una decina di mesi e si sono già portati ai massimi livelli.
Hanno concluso col già notevole tempo di 3:40 che, conoscendoli, certamente riusciranno a limare in vista dei prossimi impegni agonistici.
Enrico e Lorenzo hanno lottato fino alle ultime palate per il terzo posto, sfuggito per meno di 2 secondi: davvero bravi!
Il quadro dei risultati va completato con due quarti posti: il primo per i ragazzi dell’ILVA Roberto e Stefano Marcatelli, Luca Manetta e Fabrizio Gabriele nel 4 senza cat. “A” dove non è bastato un 3:20 per salire sul podio, il secondo per i due veterani posillipini Gigi D’Alessandro e Antonio Tomacelli nel doppio G, nonché dal 7° posto di Mario Scalella in 4 senza D insieme a Domenico Simonetti, Paolo Taddei e Pietro Moretti del Posillipo.
Infine nella gara finale della manifestazione, l’8 maschile cat. E che vedeva in palio il Trofeo D’Amico, ancora un quarto posto per Enrico Consolandi, Lorenzo Invrea e Mario Scalella col body rosso-verde del Posillipo, insieme a D’Alessandro, Tomacelli, Taddei, Moretti e Simonetti e con l’amichevole e prestigiosa presenza di Anna Bonciani al timone.
Ha vinto la Canottieri Limite davanti a Irno e Pro Monopoli, mentre i nostri, autori comunque di una buona gara, hanno preceduto il Savoia.
Prima di chiudere da sottolineare ancora una volta lo spirito di grande amicizia e collaborazione che alberga all’interno della nostra Squadra: non è una novità, ma un ingrediente essenziale ed irrinunciabile per il conseguimento di risultati riferiti a singoli, ma ai quali ogni altro fornisce un piccolo ma significativo contributo.
Da ricordare, in contemporanea, che il nostro giovane atleta Alessandro Benzoni ha vinto le selezioni per la nazionale in 8 a Piediluco e vestirà il body azzurro alla Coupe de la Jeunesse di Hazewinkel (Belgio): per il secondo anno, dopo Gugo Pacifico, un nostro atleta è convocato in nazionale, complimenti ad Alessandro ed al tecnico Francesco Pellò.
Un grazie al presidente Sergio Passetti e al direttore tecnico Gigi Ganino che come sempre hanno preziosamente contribuito, dietro le quinte, affinché la CSC fosse presente a questa prestigiosa manifestazione e al conseguimento dei buoni risultati.
L’ultimo grazie a Stefano che, accollandosi due viaggi faticosi (e non privi di qualche imprevisto), ha condotto fino a Sabaudia e ritorno il pulmino con a bordo alcuni atleti e col carrello delle barche a rimorchio.

Canottieri San Cristoforo / Cus

Canottieri San Cristoforo / Cus

Clicca per vedere il photoalbum

Download PDF